Bevande alcoliche: ecco le più strane e sconcertanti al mondo

30/05/2017 - 2:44 8627 Views

Ogni Paese ha bevande alcoliche bizzarre, sorprende scoprire che anche l’Italia non è esente da queste inquietanti bevande. Ecco una lista delle più assurde:

A Napoli, per esempio, si produce il Marijuancello, un liquore a base di cannabis che, però, è stato dichiarato fuori legge.

CONTINUA A LEGGERE

Chica de muko

In Sud America, invece, si può provare una bevanda alcolica a base di mais: si tratta del Chicha de Muko, che è diffuso soprattutto negli stati che si affacciano sulla costa occidentale e che si prepara con la fermentazione di differenti tipi di mais.

Cereali masticati e poi… sputati

Il fatto strano è che il cereale viene masticato e poi sputato dai contadini: lo scopo di questa pratica non proprio piacevole è quello di scindere l’amido, così da ottenere il maltosio e facilitare la fermentazione del cereale.

La vodka “aliena”

Negli Stati Uniti, invece, si può acquistare una vodka che viene dallo spazio: la bevanda, infatti, è filtrata in una roccia di meteorite che gli esperti ritengono sia vecchia almeno quattro miliardi di anni.

Gabbiani morti fermentati

Molto curioso, poi, è il seagull wine, vale a dire il vino dei gabbiani, che è stato messo a punto dagli Inuit, una tribù di eschimesi: il bizzarro procedimento che si segue per realizzarlo prevede di infilare all’interno di una bottiglia un gabbiano morto, versarvi dell’acqua e aspettare che il tutto fermenti sotto il sole artico, macerando.

Il latte di giumenta fermentato

Per i più schizzinosi forse è meglio il kumis, ritenuto perfetto come rinvigorente e tonico: si ottiene dalla fermentazione del latte di giumenta ed è diffuso nelle steppe dell’Asia Centrale.

Il vino di lucertola

Può fare senso, invece, il vino di lucertola, un altro prodotto asiatico: si prepara con una base di vino di riso, dei gechi e del ginseng. Il composto viene lasciato a macerare per un anno, e la bevanda che ne deriva ha un colore che tende al verde; pare che il sapore sia simile a quello del brandy.

Una vodka… pungente!

Simile è il procedimento per la preparazione della vodka di scorpione, che è molto diffusa in Cina: se non fosse che gli scorpioni vengono inseriti nelle bottiglie quando sono ancora vivi, sembrerebbe una bevanda quasi normale. Tra l’altro, la si realizza da quasi 3mila anni.

Invece che birra e pizza, birra ALLA pizza

Più recente è la pizza beer, una birra che si produce negli Stati Uniti e che è così chiamata perché ricavata dalla fermentazione del basilico, dell’origano, dell’aglio e del pomodoro: questi ingredienti vi dicono qualcosa?

Larve di falena

Si ricorre alle larve di falena, invece, per realizzare il mezcal, che contiene anche distillato di agave.

Topolini macerati

I più deboli di stomaco potrebbero avere qualche problema con il vino di riso a base di topo: è sufficiente mettere a macerare per alcuni mesi dei piccoli topi nel vino per ottenere una bevanda molto speciale.

Birra allo sciroppo d’acero, pancetta e ciambelle

Tornando negli Usa, ecco una birra preparata con sciroppo d’acero, pancetta e ciambelle: la si produce in California.

Cobra albini sotto vino

In Asia, poi, c’è il vino di riso di cobra: costa molto soprattutto quello che contiene il cobra albino, che pare abbia un gusto più armonico.

Le vipere nostrane

Non è molto diversa la grappa alla vipera: in questo caso non ci troviamo in Asia, ma molto più vicino a casa, in Friuli e in Veneto.

La bevanda più piccante

E se l’alcolico più piccante del mondo è la chilli vodka, la vodka all’erba dell’uro è un distillato tipico della Polonia.

Bevanda alla cannabis… legale

In Italia c’è anche il canapito, che è legale e si prepara con la cannabis sativa, ma è da non perdere anche l’assenzione, che ha l’aroma di anice.

Distillato di concime di gallina (naturale)

Curiosa è la birra ai funghi, che si produce in diversi birrifici degli Stati Uniti, mentre nell’Europa dell’Est è diffuso un distillato che deriva dagli escrementi di gallina: sembra che sia molto apprezzato dai contadini locali.

La birra più “antica”

La bevanda alcolica più strana del mondo, però, è senza dubbio la birra alle conchiglie: si chiama primordial pearl e si ricava da fossili di un milione di anni fa.